Po Capità


Pò CAPITà Ft Pepp Oh, Shadaloo

(V.Musto, G.Sica, F.Caterino)

Pepp Oh:

Me sent stran stranament scunsulat, voglio ij luntan
Ma po me perd semp tra na vutat e na girat
Vac distrattament abbandunat tra chi s’abboff ‘e cacat
E chi ormai camp sul rint’a nu stat
Addò ‘e parol se iettano e mettono in difficoltà
E aspettano ca iesce a primma cor’e paglia pe l’appiccià
Ij rest ccà desolat e amariggiat
Me facc’ na risat, nun val a pen a sta ‘ntussucat
Tant ‘o sacc chell ca ve cuntat, tra miliun ‘e cantat
Miezz ‘e peggi capat, chissà che ve pensat
Ve facite ‘e puntat, nun ve ne incaricat
Ma chi ve l’ha cercat
Troppi gall ‘a cantà e nun schiara mai juorno
Troppi volp ca n’arrivano a l’uva e nun se levano a tuorno
Troppi pullicin ca in realtà so’ tuorl
Troppi pullici ‘e mosche accatarrat e senza scuorno
-Ah ahh, disperata vita-
Stu fatt mi deprime e mi butta giù;se capit
E mo chi ‘o ssap vuije c’at capit
Nun c’e l’agg cu nisciun ma sul cu mme (Ij cu mme) Chest gia ‘o sapit
Affront ogni delusion cercann ‘e cagnà sti pagin
Ma nunn’è facile si stu libro è chin in ogni margine
l’argine che mantenev a cap oggi è zumpat
e che vuò fà mej accussì me so sfugat

Po capità, nu ‘nziria ca nun te po lassà
Nu juorno ca nun và,
tu nun te preoccupà
Mantien a cap e circ ‘e nun te fa fà
Po capità, ‘e vot bast poc pe sunnà
si sai nuije ccà
Stamm semp a’spettà
Chesta nuttat ca stent ancor a passà

Oyoshe:
E quante notti ancora passerò con gli occhi spalancati
Passerò di sotto tra sti corpi affaticati
Da tempo ci provo ma ancora non volo
Dicono che sei cambiato se non stai più bene a loro
Fin troppo seccato da sti fatti atroci
Voci nel cervello e mai il cervello nelle voci
Stand Up… ma ogni tanto dammi un momento
Non è che ogni tre passi te ne esci col commento
Tipo ”sei meglio” mento. Ricorderò;memento
Ogni sillaba che metto s’infila un colpo sul mento
Sibila un soffio di vento
Si qui si sta tra inquisizioni in casa della gente onesta
e sta la coca in parlamento
Non è che me ne fotte di politica ma qua la gente m’istiga
Chiede la mia poi e litiga tra chi mi dirà
Litri di cazzate e crede che mi limita; lo scroto s’irrita
Ho perso pezzi perchè sei solo tu l’autrice
che scrive il pensiero che ho di te-di te-
Tu di me dimentica mo che ti dimeni qua
In cerca di un identità che non sia identica
Ad uno che ne muore; cento a piangere
Tra cento che ne piangono manc’uno che capisce come fare per risorgere
Ed è facile; colorerò ogni immagine anzichè strappare pagine
Che questa storia mia si scrive solo grazie ad ogni delusione
Circa cento cicatrici sopra al cuore
Sopraggiunge lo stupore; ve tenev ‘ngopp ‘o cazz e v’agg scritt na canzone

Rit x 2

Shadaloo:
N’abbast nu spicchiett pe me uardà aret
Ij nun me fid aggià uardà cu l’uocchie mij
Perchè ce vonn ‘e pall p’affruntà chi m’avutat e spall
Nun fà nient si me ‘mpall int’a sta pall, c’agg fatt ‘o call
E’ inutile a me trattènere ‘e lacrime
L’ammore nun tien nient a che spartere ca matematica
‘E sentiment nun stanno dint’o core, stanno ‘ncap
Tu ca me vuliv ben già te le scurdat.
Ossai che pens? ca è mej a me fà a rot ca a me fà na pell
Cu chi ten aperte ‘e cosce e ten chius ‘a cervell
Mej a tenè na spalla sol ca nun me cunsol pe’ interess
M’agg fatt ruoss scanzann fuoss. Rallentann ‘ngopp ‘e doss
Senza prià invocann a razzj mantenenn ‘o crocifiss
Me cunfess dint’e suonn perchè llà nun poss ricere bugì
Ca nun se po capì
‘O terror ‘e t’addurmì pe’ nun turnà a pensà
Ma po’ te scit e sai ca niente cagnarrà
Nun se tratt ‘e na jurnata stort, ma nunn’import
L’e fatt o l’e subit ‘o tuort – nun cont-
Pensieri che ho scritto in dialetto
per la rabbia repressa nel petto
E’ che ho il difetto di tenermi tutto dentro
Non pretendo approvazzione; ve tenev ‘ngopp ‘o cazz e v’agg scritt sta canzone