Chell Che Fà Sta Buon N’Omm


CHELL CHE FA STA BUON N’OMM Ft Op Rot & Lucariello

(V.Musto, C.Perrotta, L.Caiazzo)

Oyoshe:

Chello che fà sta buon n’omm
forse a riconoscenz, A reminiscenz ‘e nu nomm’
‘O minimo ‘e nu grazie appena sveglio
Tanto è facile a ddà ‘o massim, ‘o difficil è a ddà ‘o meglio
Ricene -A fatic te gratific-
Ma l’aspett ‘e chi aspett ‘e l’otto nunn’è mai magnific
Io m’irrito ma po’ me calm; me pos e medit
N’artist che se merit oltre ‘a forz senza limit?
Magar nu core occupat; So stato pure a sulo ma è stat
nu respir estraneo a me fà sta ispirat;
L’esempio ‘e nu pat, ancor allert e sott’o sol
Senza sta sciupat; forte fatica ancora
E tu che dic’? sì nu ‘uaglione comm’a mme
Nun te fai cumm’a mmerd, nun tant pe cumment ‘e gli amici
Tant llat ‘o sai so’ tutt quant bomb e alla fin nun tenene mai ‘e miccie.
A stu gir nun desidero renar
‘o sacc’ sensazioni e foglio e penna ‘mman so briciole ‘e pan
Ma quand ‘a ser cala, pure si a sacc è vuot
arapo l’uocchie, guardo ‘o cielo e cocc stell sicur car
Me rice ca nun sò sulo e chesto voglio
Ce stà chi tene ‘a machin ma ‘n’ten manc a forz
pe passà annanz all’orgloglio, nuie scurdammece tutt cos
voglio sul nata notte addò me spuoglie e nun s’arrepos

//Rit//
è che’ pensier che vac luntan
Famm sta buon, bast poco a n’omm che cerc na man
Ij me cur do riman, sul ‘o cu chi val
Pe mo respir l’aria

Op Rot

‘O ben è cumm’a na lev, E faccio forza pe stà aller
M’allen e me sollev
me dà solliev, nun mo crerev ca fernev ‘o genio,
si è cenere ‘o cielo è celer
No eccedere int’a mali pensier
Razionalizz ‘o mal ‘e schien a ser
Realizz qual’è ‘o sens over
‘E appoglio ‘o rilorgio ‘ngopp o comodin
Se ferm a l’ora ca saccio ij
Int’a fotografì cu l’uocchie distant
Spustann ‘e traguard chiù annanz
Ce mett n’istant ca forz re cos important
Te fà sta buon si ‘o bisogn è grand
Sicur ca nun pò fernì
caccio tutto cos for primm ca te ‘nfraceta
A me m’abbast n’aceno ‘e pace
è facil ca m’agito
Tengo a forza ‘e chi fatic
A faccia ‘e chi s’aspett ‘e chiù ra vit
A pacienz ‘e stà a sentì a n’amic
E ‘n’voglio cose ca nun m’ammerito
Me fà sta buon n’ambizion, n’ispirazion e medit.
Chello ca cont nunn’è chell ca cunt
Comm’e cos ca cont ogni vot ca cant
E piens ca me saqquo accussì poc
Ma si ‘e parol sò nu sfog
M’aggir e avoto n’ata vot
Sta nott dorm sulo ‘ngopp ‘e not
//Rit//
è che’ pensier che vac luntan
Famm sta buon, bast poco a n’omm che cerc na man
Ij me cur do riman, sul ‘o cu chi val
Pe mo respir l’aria
Lucariello:

Apparte l’arte ca martello, simm vint’e smart
‘Ncartat tarantell; cartell ‘e l’equitalia
Caramell pe’ chi t’ama, ca ‘na pell val cumma na stell ‘e mar
e nun stà mal si t’ha ditt ca nun tenit riman
Nu dit nun val na man, e si l’hai capit che sit ‘e ‘gual
A vita è na parti addò nisciun esce pulit
E me crir, ca vence sul chi rire, fino all’ultimo respir
‘E rose ‘e maggio, ‘e cors ‘ngopp a spiaggia
‘e mman e figlieme pe’ faccia; Nu libro chin ‘e pagin
pront a se fa scrivere, nun saccio comme te l’aggia ricere
ca ogni iuorno ringrazio e sò felice e vivere
Pur ‘e cazzot fanno ‘a stimoli, e stimati
Stil ‘e vit int’a trincee
Allora ‘e cos bbon arrivano, e se fanno verè fratè
Ma sul’a chi po se sap godè

//Rit//