Davanti A Me


DAVANTI A ME

(V.Musto)

 

Ma l’avrò vista tempo fa, lei ferma ai soliti angoli.

Ferrovia, stessa via; parte centrale;Napoli

Non conta nome di chi le si avvicina, o di chi lei si allucina o di chi la rovina

Non un lavoro la mattina, non un uomo una bambina

Forza la trova in quegli occhi; spera sopravviva

Una donna con sua figlia in braccio nel supermercato

e gli sguardi indiscreti di un bel seno pronunciato

Sguardo basso calato, viso dolce imbarazzato

Corpo troppo mozzafiato, coperto; lascia all’immaginario

Si guarda allo specchio, prova vari aspetti

labbra rosso acceso ma con occhi scuri spenti

Non vuole un marito ma un sussidio mensile

Non vuole chi la fa sentire donna ma

chi la stia a sentire. Non qualcuno con cui uscire

Ma qualcuno di sicuro con cui potrebbe riuscire

Ad essere reale, senza provare schifo per un essere

che la vuole toccare per benessere mentale e personale

”Finito mo, devi pagare” che si dice ”Tanto vale, qua si è perso bene e male”

Il marciapiede dove divide percentuale

Riunisce vite che fanno fatica a respirare

A notte fonda scaldate da un focolare

per bellezze uniche e rare,fin troppo care

 

Rit (Skratch):

 

\\Sono qui davanti a me le cose che non vedi

altre bene in vista le desideri, Ci credi?

Contrapponi visuali; i beni son dei mali

I mali danno beni. Ma solo materiali

Sono qui davanti a me le cose che non vedi

altre bene in vista le desideri. Ci credi?

Contrapponi visuali; i beni son dei mali

Cura la sostanza tralasciando l’apparenza\\

 

Strofa:

L’Avrò notata poco fa. Tra la folla le spiccava

Il luccichio della collana con lo spacco che scendeva

e non lasciava più curiosità agli occhi dietro la schiena

Una schiera di gente scema con una reazione oscena

Una donna con la carta in mano da Dolce e Gabbana

Stressata perché non si trova la borsa a pelle d’iguana

Per il resto sta in campana

sta con l’avvocato pieno che viaggia ogni settimana

Le bugie sul volto coperte;kili di phard

Il letto del marito ogni notte è un set di un film hard

Ne tiene tanti e conta non in base ai sentimenti

Ma in riempimenti in zeri pieni sulla Master Card

Gli uomini un giochetto schiavi dell’apparenza

Fottuti sotto effetto non curanti di sostanza

Lei ha capito il trucco e non è quello sulla guancia

Li tagliuzza, li cucina, e dopo manco se li mangia

Parla tanto e spesso, e solo di se stessa

e a volte capita pure di stare un po depressa

Sta male! Ma non per come è messa

Ma per cosa si è messa; mica deve andare a messa

Non conta essere reale. La più bella del reame

Ogni vizio uno sfizio da farsi passare

Trucco da ripassare permette di guadagnare

Quanto si può pagare per la compagnia serale ?

 

Rit x 2

 

E a prescindere dal sesso, il discorso è lo stesso

Sono situazioni in rapporto col compromesso

Non conta ciò che fai, quando tutto intorno parte solo da quello che sei

-”Con chi stai!? Dove sei !?”-

La vita che ti poni o quella che ti hanno imposto

Ti accontenti se ti danno il posto, oppure te lo prendi; stringi i denti

Se senti che non è apposto, cacci i denti per sorridere

e per nascondere il mostro